veleia/cisalpina - 27/11/2018
news

Da Veleia all'ager Veleias, 1739 ss.: studi, scavi, memoriae di Tiziana Albasi - Lauretta Magnani

Da Veleia all'ager Veleias,
1739 ss.:
studi, scavi, memoriae

Tiziana Albasi - Lauretta Magnani


"Ager Veleias", 13.13 (2018) [www.veleia.it]



La Tabula alimentaria di Veleia viene alla luce in un clima di silenzi e di misteriose scoperte: e proprio la scarsa o millantata informazione, anche a livello locale, contribuisce alla creazione di ambiguità e confusioni, abilmente fomentate non solo dai primi protagonisti della storia veleiate. Infatti la scoperta di Veleia, la ricostruzione della sua storia antica, l'iter di quella moderna e contemporanea, e quindi la sua memoria, si intrecciano con una serie di rivalità intellettuali, dibattiti eruditi, questioni storiche, archeologiche e topografiche: problemi irrisolti che, dal 1747 ai giorni nostri, hanno aperto molteplici campi di indagine e di ricerca.
C'è una storia dei «cavamenti» dell'area archeologica, come ben documentano i Giornali di scavo, le diverse edizioni dei Convegni dedicati agli studi veleiati e AGER VELEIAS [www.veleia.it]; una storia della Tabula alimentaria e delle accese controversie di natura diplomatico-politica, scientifico-letteraria, storico-antiquaria a essa connesse; una storia di Veleia e del suo ager, con la complessa ricostruzione fondiaria redatta sulla base di indicazioni geografiche, topografiche, toponomastiche e catastali, oltre a quelle socio-economiche e giuridico-amministrative, contenute nella Tabula, il cui ritrovamento è all'origine anche della storia del Museo Archeologico di Parma; e infine, una storia della altalenante fortuna e delle ricerche sul sito fino ai giorni nostri.


© – Copyright — Tutti i contributi pubblicati in http://www.veleia.it sono di proprietà dei singoli autori di volta in volta indicati. Ogni riproduzione integrale o parziale, non configurantesi come esplicita citazione tratta dal sito stesso, è vietata e tutelata dal diritto d'autore secondo la legge vigente. La proprietà del sito appartiene al Gruppo di Ricerca Veleiate, prof. Nicola Criniti.