italia - 10/09/2019
news

Mors antiqua: bibliografia sulla morte e il morire a Roma (2018)

   

Mors antiqua:
bibliografia sulla morte e il morire a Roma
(2018)

Nicola Criniti


"Ager Veleias", 14.07 (2019) [www.veleia.it]



Raccolgo in questa saggio bibliografico — 'resto' eloquente e nostalgico di un antichissimo, mai sopito interesse sulla morte e sul morire, nato e alimentato tanti anni fa all'università di Parma, ma presto di fatto abbandonato per l'insorgere di altri, più pressanti filoni di ricerca — le opere e gli studi che considero più utili o più stimolanti sui miti / riti / siti / fonti e testimonia, e sulle memoriae connesse, in età classica, romana in particolare: la presenza di studi e libri non 'romani' è meramente strumentale e, in ogni caso, del tutto eccezionale (salvo che nel punto 2, dedicato alla medicina nel Mediterraneo antico). Qui giungo fino al 2018, con registrazione sporadica di lavori usciti nel 2019: ma non sarà l'ultimo contributo, ricordo, dato che la rassegna viene ormai messa a punto e pubblicata annualmente.
Le segnalazioni sono personali, se pure non arbitrarie, raccolte pazientemente in tanti anni di esplorazioni e ricerche per un lavoro complessivo impostato da decenni, ma inconcluso, e dipendenti dalle mie competenze specifiche, quasi mai dalle mie simpatie.
Il lavoro è diviso in quattro parti: 1. La morte e il morire nel mondo antico (romano, in particolare) / 2. Medicina e salute a Roma (e nel mondo occidentale) / 3. Monumenti e luoghi di sepoltura nell'antichità (romana, in particolare) / 4. Fonti greche e latine — tradotte e non — sulla morte e sul morire (nel mondo romano, in particolare).


© – Copyright — Tutti i contributi pubblicati in http://www.veleia.it sono di proprietà dei singoli autori di volta in volta indicati. Ogni riproduzione integrale o parziale, non configurantesi come esplicita citazione tratta dal sito stesso, è vietata e tutelata dal diritto d'autore secondo la legge vigente. La proprietà del sito appartiene al Gruppo di Ricerca Veleiate, prof. Nicola Criniti, Università degli Studi di Parma.