AGER VELEIAS
Rassegna di storia, civiltà e tradizioni classiche
Veleia

VARIA - sabato 9 giugno 2012

Gesù figlio di Giuseppe / Yeshua bar Yôsef: dati storici essenziali [6/5 a.C. – 30 d.C.]
Gesù figlio di Giuseppe / Yeshua bar Yôsef: dati storici essenziali [6/5 a.C. – 30 d.C.]

Gesù figlio di Giuseppe / Yeshua bar Yôsef:
dati storici essenziali [6/5 a.C. – 30 d.C.]

Nicola Criniti


["Ager Veleias", 7.05 (2012)]



Gesù / Yeshua [forma abbreviata di Giosuè: "Yahvè salva"] era un Asiatico vicino-orientale proveniente dalla bassa Galilea, la regione più settentrionale e più povera della Palestina, semipagana e circondata da territori non giudaici, a ovest del Giordano e del lago di Tiberìade (o mare di Galilea), sotto il dominio (indiretto) romano;
nacque prima del 4 a.C., probabilmente a Nàzareth ["la fiorita"], nella bassa Galilea, nella mangiatoia di una grotta adibita a stalla / ricovero rurale: presumibilmente nella primavera / estate del 6/5 a.C., durante l'impero di Augusto [27 a.C.-14 d.C.], negli ultimi anni del re di Giudea Erode I il Grande [37-4 a.C.], che governava sotto il controllo di Roma;
era figlio (primogenito) di Giuseppe (bar Yôsef ["che Yahvè moltiplichi"]), a sua volta figlio di Giacobbe e di Eli (per la legge del levirato?), originario della Giudea (?: Betlemme?), ma residente in Galilea (a Nàzareth?), attorno ai trent'anni – è presumibile – al momento del matrimonio (morì certo prima del 27/28);
e figlio – dato non registrato, né registrabile all'anagrafe civile e religiosa del tempo – di Maria (Miryàm in aramaico - ebraico / Mari£m in greco ["amara", "addolorata", "ribelle"?]): originaria della galilea Sepphoris (?), residente a Nàzareth, di 12/14 anni al momento del matrimonio.


© – Copyright — Tutti i contributi pubblicati in http://www.veleia.it sono di proprietà dei singoli autori di volta in volta indicati. Ogni riproduzione integrale o parziale, non configurantesi come esplicita citazione tratta dal sito stesso, è vietata e tutelata dal diritto d'autore secondo la legge vigente. La proprietà del sito appartiene al Gruppo di Ricerca Veleiate, prof. Nicola Criniti.